CLOSE
Load More
Something is wrong. Response takes too long or there is JS error. Press Ctrl+Shift+J or Cmd+Shift+J on a Mac.

Sogno e realtà

Freddie Ashcroft

Freddie Ashcroft

Youth, dudes. C’è un Freddie Ashcroft adolescente, che ama divertirsi con i suoi amici di sempre, adolescenti come lui. Festival musicali, club e viaggi assieme, il ballo di fine anno scolastico e la sua la famiglia.
Tra una foto e un’altra, guardando il suo profilo Instagram, appare un Freddie modello, seguitissimo. Sfila a Parigi e a Milano, ma il lavoro lo porta anche a Londra e Stoccolma. In uno scatto posa per una campagna pubblicitaria con il naso tumefatto, sembra appena uscito da una rissa, in un altro ti guarda dritto negli occhi, con quel suo sguardo blu e intenso, mentre indossa un cappellino da marinaio e una blusa di seta nera trasparente, dal vago sapore femminile. Linee fluide, la moda oggi.
È un dualismo di vite che, se pur idealmente così distanti e differenti, per il diciannovenne Ashcroft sono la Vita, intensa e spontanea, quella di chi non ha nemmeno vent’anni. Football, Cricket e Hockey sono gli sport preferiti del giovane nato vicino a Oxford: una parte di lui, vera e propria passione, a cui non rinuncerebbe mai. Scoperto a sedici anni durante il Boardmaster Festival, appuntamento di riferimento per il surf e la musica techno sulle coste della Cornovaglia, da tre si divide tra la scuola e il lavoro, sempre più impegnativo.
Come tutti gli adolescenti, Freddie ha grandi progetti. Sogna di volare a New York, magari per sfilare per qualche brand da skater. Con quel fascino androgino, un look leggermente anni 90 e i capelli che rimandano al grunge, sembra uscito dagli scatti di Alasdair McLellan, fotografo del quale Ashcroft ammira incredibilmente il lavoro, assieme alla controversa immagine del giapponese Nobuyoshi Araki.

Back to home